Si è tenuto oggi l’incontro tecnico, convocato dal Sindaco Metropolitano Cateno De Luca, per fare luce sui tempi e sulla modalità che ANAS sta attuando per riaprire la strada statale 114 nei pressi di Capo Ali che viene interessato periodicamente da crolli di detriti e/o blocchi di roccia con conseguenti ripetute chiusure del tratto stradale.


Presenti i Sindaci di Ali Terme, Itala, Scaletta Zanclea e Fiumedinisi.
Per ANAS erano presenti gli ingg. Sgarella e Fogliano e per la Protezione Civile Regionale era presente l’ing. Manfrè.
Alla richiesta decisa del Sindaco Metropolitano sui tempi di riapertura e sulle tipologie di interventi che si stanno attuando è intervenuta ANAS chiarendo che a breve sarà possibile riaprire il transito a senso unico alternato (chiuso oramai da 10 giorni), previo intervento di disgaggio in corso di realizzazione, mentre si stanno quantificando interventi di posizionamento di reti addossate e reti paramassi per circa 1 milione di euro sempre sul costone roccioso da realizzare in circa 30-40 giorni.


Alla veemente richiesta di De Luca sui tempi di realizzazione della soluzione definitiva ha risposto l’ing. Sgarella di ANAS sui reali tempi di progettazione e realizzazione della soluzione definitiva che, come specificato dal Sindaco Metropolitano, non può essere la messa in opera di reti e barriere.
L’ing.Sgarella ha così chiarito che:
– è in corso la progettazione preliminare di un intervento misto tra galleria naturale/galleria paramassi (2 gallerie naturali di 600 ml circa ed una galleria paramassi da 500 ml) da acquisire entro dicembre 2022.


– Si passerà poi alla progettazione definitiva ed esecutiva che contemplerà l’acquisizione dei pareri e della VIA con validazione prevista (salvo indagini da eseguire che modificano il quadro progettuale) per ottobre/novembre 2022.
– avvio dei lavori con durata prevista pari a circa 950 giorni lavorativi.
– costo previsto 22/24 milioni di euro dei quali 15 disponibili e 7 da recuperare.
Il tavolo si è aggiornato al 10 gennaio 2022 per prendere atto della progettazione preliminare di opere che non saranno pronte non prima di 4 anni a partire dalla data odierna.