La prima Comunità Energetica Rinnovabile e Solidale partirà dalla sede dell’Associazione LE.L.A.T., la Lega Lotta Aids e Tossicodipendenza, sita nel rione Mangialupi. L’iniziativa promossa dall’Amministrazione Comunale coinvolgerà oltre all’Associazione anche alcune famiglie del rione cittadino in un più ampio progetto di lotta alla povertà. I lavori saranno realizzati dalla società ENEL X ITALIA s.r.l. con sede a Roma per un importo complessivo di 59.289,97 euro, RUP l’ing. Salvatore Saglimbeni.

Gli interventi prevedono l’adeguamento e la messa in funzione, sul tetto della struttura dell’impianto esistente di 35 kW, oltre alla realizzazione di un nuovo impianto fotovoltaico da 19,78 kW in ampliamento a quello già presente. A conclusione dei lavori si procederà a costituire formalmente la Comunità Energetica e, a seguito dell’allaccio alla rete elettrica, l’impianto di circa 56 kW inizierà a produrre energia pulita per circa 80.000 kWh annui che verrà distribuita alla Le.L.A.T. (Lega Lotta Aids E Tossicodipendenza) e ad alcune famiglie del Rione Mangialupi che saranno individuate a seguito di Avviso pubblico nell’ambito del progetto di lotta alla povertà energetica.

“Attraverso questi interventi – ha evidenziato l’Assessore Francesco Caminiti – la Le.L.A.T. potrà finalmente utilizzare gli impianti di riscaldamento e di climatizzazione installati nella struttura grazie all’energia prodotta dall’impianto fotovoltaico, rimasti inutilizzati da circa 10 anni, in attesa dell’attivazione, mai effettuata per problemi di natura amministrativa”.