TORRENOVA (ME). 600 panetti di hashish abbandonati sul litorale di Torrenova. 30 chili di droga che avrebbero potuto fruttare circa 300 mila euro di guadagni illeciti. A trovare la sostanza stupefacente i Finanzieri del Comando Provinciale di Messina a seguito di una segnalazione telefonica giunta al 117 che riferiva di strani involucri sulla sabbia. Le Fiamme Gialle della Tenenza di Sant’Agata Militello hanno verificato come quei pacchetti, avvolti con molta cura con del cellophane marrone, nascondessero Hashish.

Non è il primo caso di ritrovamento di droga sulle coste siciliane negli ultimi mesi: le segnalazioni si susseguono in più punti, da Agrigento a Trapani, a più località della provincia di Messina. La droga, non si esclude anche a seguito delle burrascose condizioni meteo marine degli ultimi giorni, si ritiene sia stata verosimilmente sospinta verso la cosa dalle forti correnti. Sono in corso le indagini sulla sua origine, sul percorso che l’ha portata sulla spiaggia del comune tirrenico. Mirati accertamenti per risalire all’organizzazione criminale che trasporta la droga probabilmente in maniera sistematica e che questa volta, per cause da accertare, ha perso il carico.

Per la quantità della droga il ritrovamento è uno dei più consistenti degli ultimi anni avvenuti nella provincia di Messina.

La sostanza stupefacente è stata posta sotto sequestro e messa a disposizione della Procura della Repubblica di Patti.

Nell’immediatezza, sono state avviate mirate attività di perlustrazione della zona a cura dei Reparti del Gruppo della Guardia di Finanza di Milazzo, operanti sulla zona costiera tirrenica, nonché delle unità aeree e navali del Reparto Operativo Aereonavale della Guardia di Finanza di Palermo, al fine di verificare l’eventuale presenza di altra sostanza stupefacente abbandonata nella stessa area geografica.