MESSINA. Non si può propriamente definire incidente sul lavoro ma un mistero il ferimento di un operaio  romeno, quarantenne, caduto all’interno del Cantiere navali Palumbo a Messina. L’uomo è stato trovato dai carabinieri riverso per terra, sulla piastra del bacino di carenaggio, impossibilitato a muoversi per le di ferite ed i traumi riportati. Scattato l’allarme, l’operaio è stato trasportato in ospedale. Le sue condizioni destano particolare preoccupazione.

Una dinamica tutta da accertare. L’operaio è impiegato in una ditta esterna che esegue lavorazioni per conto dell’azienda Palumbo. Secondo le prime ricostruzioni, nel momento in cui si sarebbe verificato l’incidente, il quarantenne non stava prestando servizio ed indossava abiti civili. L’uomo, sempre secondo quanto riferito, dormiva all’interno di una cabina di un mezzo navale fermo in cantiere per riparazioni e sarebbe caduto in nottata o all’alba.

A chiedere soccorso lo stesso operaio che dal suo telefono cellulare ha chiamato il numero di pronto intervento 112. Segnalazione giunta alle 4 del mattino. Cosa ci faceva l’operaio a quell’ora nei pressi del bacino di carenaggio. Avviate le indagini per fare luce su un episodio che ha tanti interrogativi.