Comune Montemare, il 13 dicembre il referendum

Per il comitato Montemare è più che una denuncia sull’abbandono dei villaggi da parte di Palazzo Zanca. Il referendum è un progetto che i cittadini promotori intendono portare avanti. Il 13 dicembre si svolgerà la consultazione popolare che coinvolgerà i residenti dell’attuale Sesto Quartiere. Agli elettori sarà chiesto se vogliono staccarsi dal Comune di Messina e dare vita ad un nuovo ente autonomo che, per l’appunto, si chiamerà Montemare.

L’amministrazione di Messina ha dato il via libera al voto dei cittadini dei villaggi collinari e costieri che si affacciano sulla fascia tirrenica da Torre Faro fino alle porte di Villafranca. Il Comitato è costituito da circa quaranta cittadini, residenti nei vari villaggi, che hanno deciso di mettersi in gioco attivamente e partecipare al progetto di creazione del nuovo Comune. Un progetto che risale a qualche anno fa. Su questa iniziativa il sindaco De Luca si è espresso più volte mostrando contrarietà anche per i costi che il referendum comporterà per le casse comunali.  

Ma il primo cittadino ha dovuto dare l’ok alla consultazione, dando seguito all’iter seguito dai cittadini che si sono si sono rivolti alla Regione. L’amministrazione De Luca lo scorso anno si era visto respinto il ricorso amministrativo. Il gruppo di coordinamento del Comitato è costituito da Giandomenico Arena, Salvatore Camarda, Benedetto Cardullo e Carlo Rizzo.