L’Organismo Congressuale Forense decide di sospendere le attività fino al 20 marzo. Si fermano dunque anche gli avvocati. Misura non disposta dal Governo, ma decisa autonomamente. Gli operatori della giustizia hanno sollevato la questione del possibile contagio anche nelle aule dei processi e non solo nelle “zone rosse”. Disposta pertanto – si legge in un comunicato – “l’astensione dalle udienze e da tutte le attività giudiziarie, in ogni settore della Giurisdizione, per il periodo di quindici giorni con decorrenza dal 6.03.2020 e fino al 20.03.2020, in conformità alle disposizioni del codice di autoregolamentazione, con esclusione espressa delle udienze e delle attività giudiziarie relativi alle attività indispensabili come previste e disciplinate dagli artt. 4, 5 e 6 del “Codice di autoregolamentazione delle astensioni dalle udienze degli Avvocati”