Arrivano i primi dati relativi ai tamponi effettuati in modalità “drive in” nell’area antistante l’istituto Minutoli di Messina. Uno screening effettuato nel week end che ha coinvolto personale docente e non docente degli Istituti scolastici superiori del territorio comunale, oltre che alla popolazione scolastica e loro familiari. Un controllo effettuato anche grazie al al coinvolgimento della Città Metropolitana di Messina, del Dirigente dell’Istituto Pietro La Tona, del Referente Asp Carmelo Crisicelli e del personale specialistico che ha effettuato i tamponi.

Il totale dei tamponi rapidi effettuati è stato di 1187 con un numero di 35 positivi: in particolare, sabato 7 novembre sono stati 515 i tamponi eseguiti, con 12 positivi; domenica 8 novembre 672 i tamponi eseguiti con 23 positivi A tutti coloro che sono risultati positivi al test è stato praticato l’ulteriore tampone molecolare per l’eventuale conferma della positività riscontrata.

I numeri testimoniano che il virus è presente tra la popolazione scolastica, cifre contenute rispetto a regioni come la Lombardia, ma a complicare tutto è sempre la gestione dei casi positivi, la ricostruzione dei loro contatti, sempre particolarmente difficile. Il numero dei contagiati aumenta il relazione al numero dei controlli effettuati. Lo screening al Minutoli ha contribuito alla crescita del numero dei contagiati in provincia di Messina ufficialmente censiti, la città metropolitana peloritana adesso è seconda solo a quella di Catania.