L’ex ministro pubblica le sue considerazioni politiche su Facebook ed entra nel merito del dibattito tra il sindaco Cateno De Luca e il Consiglio Comunale. Ecco il testo del suo intervento che si chiude con un “scusate per il disturbo”

Il Sindaco della nostra città ha assunto una iniziativa che può portare a nuove elezioni a maggio prossimo. Non faccio analisi dietrologiche e mi limito a leggere le sue proposte al Consiglio Comunale. Sono positive. Fino a oggi il rapporto Sindaco-Consiglio ha funzionato proprio perché ancorato al merito dei problemi della città, con tutti i limiti umani di sindaco, assessori e consiglieri comunali. Oggi De Luca alza l’asticella e fa bene. L’azione di risanamento finanziario e di riorganizzazione della amministrazione ha prodotto effetti positivi. E dal 2020 si può aprire la strada a risultati migliori per Messina se continuano a lavorare insieme con maggiore sintonia, condividendo nel dettaglio provvedimenti strategici per la nostra comunità. Messina è ad un bivio e deve scegliere e per essa deve scegliere il Consiglio Comunale. Al netto della proposta di costituire un intergruppo, che mi sembra inutile, è ancora possibile evitare il trauma di una campagna elettorale se si comprende che, in questi tempi di crisi politica, l’unica cosa da fare è concentrarsi sulla città, sul suo rilancio, sul suo futuro. In poche parole: serve un progetto civico condiviso. Mi auguro che prevalga il buon senso e la voglia di andare avanti perché ci sono tutte le condizioni per fare bene. Dipende da De Luca, a volte in piena tempesta ormonale, dipende dal consiglio comunale, a volte vittima di logiche antiche e maldestre, espressione di un infantile potere interdittivo. Un po’ meno dalle cosiddette forze politiche, posto che esistano. Buon anno a tutti e scusate per il disturbo.