MESSINA. Il sindaco Cateno De Luca attacca l’ex deputato regionale Beppe Picciolo e non si fa attendere la reazione dei consiglieri comunali di Sicilia Futura. Sono gli strascichi della seduta di ieri sera. Il “cambio di passo” chiesto dal primo cittadino scuote la politica. “Il sindaco vorrebbe a modo suo distogliere l’attenzione dell’argomento principale (l’out/out che ha imposto sul cambio di passo) e “conquistare” i nostri voti e la nostra benevolenza elogiando la nostra integrità e correttezza. Così i consiglieri La Tona, Interdonato e Rotolo.

“A suo avviso il modo migliore per raggiungere questo risultato sarebbe quello di attaccare il nostro riferimento, facendolo “capro espiatorio” dei mali della città. Beh si sbaglia di grosso! E sbaglia soprattutto perché ahi lui! Sicilia Futura è un movimento diametralmente opposto al suo modo di pensare ed impostare la politica, per noi la dignità personale è al primo posto e non è un argomento sul quale entriamo nei confronti di nessuno. Noi non accettiamo di essere burattini proprio perché non siamo i burattini di nessuno! Non siamo abituati ad esserlo e mai lo saremo! La scelta di lasciare l’aula è stata una valutazione interna al gruppo consiliare! In Sicilia Futura non ci sono pupi e pupari, ma solo teste pensanti! E se pensa che le nostre scelte siano dettate da interessi personali di basso livello ci offende ancor di più! E poi, che scelga bene con chi prendersela! Se davvero avesse a cuore Messina dovrebbe riconoscere tutto ciò che di bene ha fatto il nostro leader, che in tanti anni si è battuto per la nostra città portando risultati concreti e tangibili e ringraziarlo pubblicamente e mai attaccarlo! Se davvero ama Messina la smetta di sparare a zero solo per cercare consenso effimero, ma risponda con dignità alle domande che abbiamo posto ieri in consiglio e dalle quali sta fuggendo per motivi fin troppo evidenti!”
Domani nuova seduta. Ma la distensione sembra lontana.