MESSINA. Scuole chiuse ancora per una settimana perchè l’asp non avrebbe fornito al sindaco tutti i dati richiesti. Per quanto riguarda le attività commerciali è stata confermata, sempre per altri sette giorni, la chiusura alle 19,00. Anche i professionisti, nonostante la diffida, non potranno incontrare i clienti dopo l’orario previsto dall’Ordinanza. Lo scenario relativo ai dati – secondo il sindaco – non cambia, e così non muta nemmeno la decisione, che viene prorogata.

Tutto questo nonostante a Sicilia si avvii a diventare “zona gialla” per decisione del Governo. La città dello Stretto, amministrata da Cateno De Luca, è ancora una volta “un caso a parte”.

Il primo cittadino, nonostante le tante contestazioni, la mozione del Consiglio Comunale, dunque, non arretra di un passo. A “rinforzarlo”, per quanto riguarda le scuole, anche la bocciatura del ricorso al Tar che era stato presentanto dall’avvocato Santi Delia.