Il Ministro per il sud e la coesione territoriale Mara Carfagna domani sarà a Messina e, dopo le visite istituzionali effettuerà un sopralluogo anche alla baraccopoli di Fondo Fucile dove più di cento famiglie vivono ancora tra eternit e lamiere. La rappresentante del Governo Draghi che ha firmato l’emendamento al decreto covid per assegnare a Messina 100 milioni di euro per il risanamento verificherà di persone le condizioni di vita di tanti cittadini messinesi, facendo seguito alla visita del febbraio 2020 delle colleghe di partito Maria Stelle Gelmini, Matilde Siracusano e Stefania Prestigiacomo.   

 La prima tappa della visita istituzionale nella Città dello Stretto è prevista alle ore 9.30, presso la sede di rappresentanza della Prefettura per una riunione tecnico- operativa con il Prefetto Cosima Di Stani, che sarà nominata commissario per la gestione delle operazioni di risanamento finanziate con 100 milioni ,e il Sindaco Cateno De Luca.

A seguire la conferenza stampa a Palazzo Zanca. La visita tra palazzi istituzionali e baracche consentirà al Ministro di toccare con mano il contesto per il quale il Governo ha deciso di agire anche sulla spinta delle forze politiche della nuova maggioranza: movimento 5 stelle, Forza Italia e Partito Democratico. Intanto il testo che assegna i 100 milioni a Messina, già approvato al senato, dovrebbe essere votato anche alla camera dei deputati entro i prossimi due giorni senza perdite di tempi perché non ci saranno proposte di variazioni. Dopo la visita del ministro l’approvazione alla Camera e la nomina del commissario Di Stani si dovrà procedere rapidamente. I primi 75 milioni di euro dovranno essere spesi entro il 2021. La svolta questa volta sembra davvero vicina.