“Apprendiamo che il sindaco De Luca voglia disporre l’esenzione del pagamento della Ztl su tutto il territorio urbano a partire dal prossimo 2 novembre,pare per la durata di due mesi . Senza entrare nel merito di scelte meramente politiche volte nelle intenzioni a sostenere il tessuto commerciale esprimiamo forte preoccupazione invece per i bilanci di ATM Spa – commentano Carmelo Garufi e Michele Barresi segretari di Filt Cgil e UIltrasporti Messina – già fortemente provati in questi mesi da inevitabili cali di frequentazione dei bus e da un progressivo depotenziamento già in atto di tutto il settore Ztl.

Lo stesso sindaco indica in 480 mila euro la perdita preventivata nelle casse comunali e di ATM – continuano i sindacalisti –  ma con  gli esercizi commerciali aperti , a differenza degli scorsi mesi primaverili di lockdown totale , temiamo che il conto possa essere ben più alto , considerando anche l’eventuale esenzione nel periodo natalizio.

Forti sono i timori per quella che oggi è una società per azioni con precisi obblighi di bilancio da rispettare – continuano Garufi e Barresi – nata solo da pochi mesi in un periodo di per se complicato per tutto il Tpl , da subito ha operato scelte di forte contrazione delle risorse adibite al controllo dei lotti di Ztl . Già dai piani aziendali del “Salva Messina “ era stata prevista dall’amministrazione una riduzione di ausiliari al traffico solo quando sarebbe subentrata l’automazione del controllo e pagamento della sosta nelle zone blu del centro, ma senza alcuna innovazione tecnologica non si è esitato ugualmente a ridurre in via unilaterale  il numero degli operatori impiegati . Ad oggi , sia per il controllo delle regole Covid , ma soprattutto per scelta aziendale il personale addetto alla Ztl è pressoché dimezzato e temiamo che già questo di per se porti ad un notevole calo di incassi in quello che è sempre stato un polmone economico importante per ATM

Esentare nuovamente dal pagamento la Ztl per ulteriori due mesi, dopo intere zone blu pedonalizzate per scelta politica dallo scorso mese di  agosto e sottratte  alla sosta, senza prevedere adeguati correttivi , potrebbe essere il colpo di grazia per questo settore e per le casse aziendali – continuano i sindacati – che temiamo rappresenti  il preludio per successive scelte “obbligate” di esternalizzazione delle attività.

 Rispettiamo le determine  politiche del sindaco se d’aiuto all’economia cittadina  – concludono Garufi e Barresi – ma se si è voluta una società per azioni a gestire il trasporto pubblico occorre che alle stesse scelte corrispondano necessarie garanzie per la sostenibilità dei bilanci di ATM con dovuti correttivi nel contratto di servizio che vede il comparto dei parcheggi con bilancio separato dal Tpl. Per ultimo, ma non per importanza , l’utilizzo degli ausiliari del traffico che , ove si decidesse di sospendere la Ztl, rappresenterebbero l’unico baluardo possibile alla sosta selvaggia che, con negozi aperti, specie alla vigilia delle festività natalizie vedrà impazzire la mobilità del centro cittadino”.