Uno studente fuorisede di 24 anni, iscritto all’Università di Messina, ha denunciato un professore per frasi e insulti omofobici. Una vicenda nata da una riflessione del giovane sul “cat-calling” in un gruppo privato, a cui sarebbero seguiti commenti violenti e discriminatori indirizzati al giovane e a suoi conoscenti. Una vicenda condannata dall’Ateneo, nella persona del Rettore, Salvatore Cuzzocrea. I fatti sono giunti all’attenzione dell’amministrazione universitaria per il tramite del Presidente dell’Arcigay Messina, Rosario Duca, che è stato ricevuto dal Rettore e dal Prorettore Vicario, ed è stato invitato ad inviare tutta la documentazione necessaria al fine di attivare le dovute procedure disciplinari. L’Ateneo, peraltro, si è dotato anche di recente di strumenti e regolamenti stringenti che consentano di sanzionare eventuali comportamenti inaccettabili di siffatta natura. Il Rettore, comunque, rimane come sempre disponibile ad incontrare le associazioni studentesche.