È stato definito laboratorio dell’orrore quello scoperto e sequestrato questa mattina dalla polizia municipale, nel centro della città, a pochi passi dalla tangenziale. Pozze di sangue a terra, sporcizia, frammenti di ossa, carcasse, fusti bruciati, catene e lame affilate. Questo è ciò che hanno visto gli agenti della polizia municipale.  Ad attirare l’attenzione dei vigili è stata una colonna di fumo proveniente da un terreno agricolo, sede di un allevamento abusivo dove avveniva la macellazione clandestina. L’attività illecita veniva condotta in in mancanza di qualsiasi rispetto su norme igieniche e ambientali, “e avrebbe potuto avere ripercussioni sula salute pubblica e sulla salubrità del territorio cittadino”, spiegano le forze dell’ordine, che adesso sono al lavoro per capire se le la macellazione fosse destinata solo a privati o anche, “come sembrerebbe”, a macellerie locali.