Tensione alle stelle al Comune durante la seduta del consiglio comunale convocato per discutere la mozione presentata dal consigliere Pergolizzi con la quale si chiede al sindaco di ritirare le dimissioni. Diversi gli interventi con i quali i consiglieri dei vari gruppi hanno preso le distanze nei confronti dell’atto presentato dal fedelissimo del primo cittadino e dei comportamenti tenuti in queste settimane da De Luca. In aula il vicesindaco Previti e gli assessori Musolino e Tringali. Quest’ultima protagonista di un episodio che ha spinto il presidente Cardile a chiedere la sospensione della seduta e l’allontanamento della stessa. L’assessore all’istruzione ha apostrofato “asini senza ali” i consiglieri comunali. L’esito negativo del voto appare sempre più scontato. Per domani sera, alle 22.30, De Luca ha convocato giunta e vertici delle partecipate. A palazzo Zanca si respira aria di dimissioni. Ma De Luca sta studiando le mosse da mettere in campo. Le dimissioni saranno efficaci dalla mezzanotte di domani. Dunque c’è ancora tempo per valutare la via d’uscita. De Luca in un vicolo cieco, come stato detto più volte in questi giorni. Il futuro politico del primo cittadino legato alla rimozione del dg dell’Asp Paolo La Paglia che, intanto resta al suo posto. La mozione Pergolizzi probabilmente non doveva neanche approdare in aula perché passaggio non previsto dal testo unico sugli enti locali.