L’assessore al risanamento Salvatore Mondello e il presidente di Arisme Marcello Scurria replicano all’assessore Regionale Marco Falcone. Quest’ultimo ha dichiarato poche ore fa che la Regione ha gia’ trasmesso al Comune di Messina 38 milioni di euro mai spesi. Ecco il testo integrale della reploca:

Abbiamo letto, increduli, il farneticante comunicato stampa dell’Assessore Falcone. Il sole e temperature di queste ultime settimane hanno evidentemente lasciato segni.

Falcone dà letteralmente i numeri (le cifre sono sbagliate). Spiace dover prendere atto che non sa quello che dice o, peggio, non capisce quello che gli riferiscono. Non si permetta, in ogni caso, di scherzare sul risanamento della Città di Messina e, soprattutto, di fare becera propaganda politica come un populista qualunque. Non dimentichi, Falcone, che ricopre una carica istituzionale che dovrebbe assolvere con disciplina ed onore. Abbia rispetto della verità.


Non abbiamo bisogno di smentire il comunicato di Falcone. Alleghiamo, per la consultazione della stampa, l’ultima nota inviata ancora lo scorso luglio, mai riscontrata, né oggetto di smentita. Falcone, trova il tempo tra un taglio di nastro e l’altro, di scegliere un moderatore. Siamo pronti a sbugiardarlo, carte alla mano.

Degli svariati milioni, dopo tre anni, non è ancora arrivato un centesimo. L’IACP, ente regionale vigilato dall’Assessorato di Falcone, continua a fare Melina e non restituisce né le aree né i soldi che detiene senza titolo. La lista degli inadempimenti sarebbe lunga.


Evidentemente si è persa una buona occasione per rimboccarsi le maniche e produrre fatti piuttosto che parole, ma spesso la politica preferisce la strada “facile” della narrativa e non quella più complessa dell’azione.
Un’ultima considerazione a proposito di risanamento: Messina sarà risanata, con o senza Falcone, ma questa Regione deve essere al più presto BONIFICATA.