Semafori e varchi a San Michele. Lavori in corso

Lavori in corso a San Michele. Otto semafori in 50 metri, un senso unico alternato e anche delle sbarre di ferro che verranno posizionate davanti ad ogni varco di accesso al torrente. Sono gli interventi disposti per la messa in sicurezza della zona dopo le abbondanti piogge dello scorso anno che hanno rappresentato un campanello d’allarme.

Al termine dei lavori, dalla chiesa a valle del villaggio fino a contrada Pisciotto vigerà un senso unico alternato regolato da due semafori: uno collocato a monte e uno a valle. Non mancano le lamentele raccolte dal consigliere del V Quartiere, Lorena Fulco.

La contestazione dei residenti riguarda il collocamento delle sbarre di ferro ai varchi di accesso del torrente San Michele, con tanto di cartello che istituisce un divieto di accesso. Le sbarre verranno chiuse quando ci sarà allerta meteo arancione o più grave “mentre i cittadini potranno passare quando non ci sarà cattivo tempo, come hanno sempre fatto e consapevoli che il torrente non è transitabile.” Queste le parole dell’assessore alla Protezione Civile Massimo Minutoli. Per San Michele si attende un altro progetto più importante con la realizzazione degli attraversamenti.

“Non si può collocare un divieto di accesso in un torrente, perché che sia intransitabile lo sanno tutti. Questo il commento della Fulco che aggiunge: “Di questi lavori si era parlato l’anno scorso e si era parlato per esattezza della collocazione dei semafori per il senso unico alternato, della possibilità di parcheggiare su una corsia e dell’istallazione di alcune passerelle che avrebbero dovuto permettere l’attraversamento del torrente per raggiungere le abitazioni che si trovano sull’altra sponda”.

“Il mio timore adesso – conclude la consigliera del V Quartiere – è che la messa in sicurezza del torrente finisca nel dimenticatoio a causa di questi interventi temporanei, insieme alla possibilità di realizzare un progetto che prevede la costituzione di una corsia alternativa scavando il letto del torrente, al fine di allargare la strada“.