MESSINA. Emilia Barrile, ex presidente del Consiglio Comunale di Messina, condannata a 8 anni e 3 mesi. Le sentenza, nell’ambito dell’inchiesta “Terzo livello”, è stata emessa nel pomeriggio dai giudici della prima sezione penale del tribunale di Messina. Un’indagine che ha acceso i riflettori sulla rete di interessi smantellata ad agosto scorso della Dia.

Queste le condanne: Marco Ardizzone, 8 anni e 8 mesi; Giovanni Luciano, 2 anni e 3 mesi; Francesco Clemente, un anno e 3 mesi; Carmelo Pullia, un anno e 8 mesi; Antonio Fiorino, 2 anni e 3 mesi; Daniele De Almagro, 2 anni e 6 mesi; Angelo e Giuseppe Pernicone, 2 anni; Vincenzo Pergolizzi, 5 anni e 6 mesi; Carmelo Cordaro, 4 anni; Michele Adige, 4 anni; Vincenza Merlino, 4 anni; Teresa Pergolizzi, 2 anni e 6 mesi; Stefania Pergolizzi, 2 anni e 6 mesi; Sonia Pergolizzi, 2 anni e 6 mesi. Assolto da tutte le accuse l’ex presidente Amam Leonardo Termini.

Associazione a delinquere, traffico di influenze illecite, accesso abusivo al sistema informatico ed altro sono le accuse contestate a vario titolo. I pubblici ministeri Fabrizio Monaco e Federica Rende avevano chiesto 17 condanne.