MESSINA. L’ordinanza promessa all’indomani del temporale dello scorso 3 ottobre è stata firmata ieri sera dal sindaco di Messina Cateno De Luca. Arrivano i provvedimento per il torrente San Michele, che ha fatto preoccupare e non poco i residenti del villaggio. Problema noto che si verifica puntualmente alle prime abbondanti piogge. Il progetto per la “Sistemazione idraulica, messa in sicurezza degli argini e realizzazione di attraversamenti stabili” è alla fase preliminare. Palazzo Zanca deve farlo diventare esecutivo. Poi serviranno le risorse 7 milioni e 300 mila euro. Intanto nell’immediato i provvedimenti per garantire la pubblica incolumità. L’ordinanza impone agli organi preposti di “impedire l’accesso al torrente in determinate condizioni di rischio; regolare il traffico e i parcheggi; realizzare i primi interventi di messa in sicurezza”.

Il sindaco da un mese di tempo agli uffici comunali per l’attuazione delle misure. Accolta la richiesta dei residenti. Quella di istituire “il senso unico alternato con semafori in via Comunale San Michele”. Questo provvedimento, in particolare, consentirà il parcheggio lato case così da inibire assolutamente e senza alcuna deroga la sosta delle autovetture nel torrente, con cartelli di divieto d’accesso e dando mandato al controllo alla Polizia Municipale. Poi dovrà essere effettuata la pulizia dei tombini e del torrente ed ripristino dell’illuminazione esistente.

Alla Protezione Civile, invece, il compito di “collocare barriere amovibili in due passaggi carrabili, a monte e valle, con chiusura in caso di allerta meteo arancione; permettere l’utilizzo solo ai mezzi di soccorso; chiudere gli altri varchi in modo permanente; stilare una stima sommaria per la collocazione di due passerelle pedonali prefabbricate”