I segretari di Cgil e Uil Giovanni Mastroeni e Ivan Tripodi intervengono con un comunicato stampa dai toni accesi per commentare anche l’ordinanza del sindaco di Messina Cateno De Luca emanata per la gestione dell’emergnza Covid: I

“Siamo in zona rossa: l’emergenza sanitaria nella città di Messina è paurosamente fuori controllo. Il Covid sta camminando velocemente e l’alto numero dei contagi ne è la sua lampante certificazione. Non sono ammesse sottovalutazioni e si devono assumere iniziative sagge e responsabili finalizzate al suo immediato rallentamento. Oggi, le strutture sanitarie sono letteralmente al collasso e vi sono gravi rischi per la garanzia del diritto alla salute dei cittadini.

Insomma, siamo nel pieno di una tempesta che sta facendo emergere le pesanti e serie responsabilità del vertice dell’Asp che si è dimostrato inadeguato a fronteggiare l’emergenza epidemiologica. In questo quadro è, però, assolutamente indispensabile evitare azioni inutili o, peggio, infarcite da isterismo amministrativo finalizzato alla ricerca del consenso via social. In tal senso, la sbagliata e contraddittoria ordinanza emanata dal sindaco di Messina, che tra l’altro si è rivelata un enorme boomerang nel “gradimento social”, sta creando ulteriore confusione e, in una realtà già tesa e preoccupante, rischia di produrre pesantissime conseguenze sociali” lo hanno affermato Giovanni Mastroeni, segretario generale Cgil Messina, e Ivan Tripodi, segretario generale della Uil Messina.

“Ancora una volta il sindaco di Messina ha evidenziato l’assoluta mancanza di una vera cultura istituzionale. In questo momento il primo cittadino si dovrebbe caratterizzare non per comportamenti fortemente divisivi, ma per atteggiamenti finalizzati all’unità di tutti per il bene comune e complessivo delle popolazioni. Si deve evidenziare come l’odierno picco dei contagi è anche il frutto di comportamenti scorretti tenuti nelle scorse settimane: proprio il sindaco De Luca, evidentemente con idee diverse in merito alla pandemia, si rese protagonista di maxi-assembramenti come quello dello scorso 8 dicembre in occasione dell’accensione dell’albero di Natale in Piazza Cairoli. Il momento è serio e non ammette show o giochetti sulla pelle dei cittadini. Il concreto merito della pasticciata ordinanza del sindaco di Messina prevede limitazioni e chiusure per attività assolutamente ed inderogabilmente indispensabili che, fra l’altro, erano state riconosciute tali anche durante il lockdown totale dello scorso marzo. Insomma, una situazione kafkiana che sta pesantemente penalizzando una moltitudine di lavoratori ed operatori economici, giustamente inferociti per la mancanza di dialogo, confronto e banale buon senso. Pertanto, riteniamo urgente ed indispensabile un intervento del Prefetto di Messina al fine di chiarire i termini normativi in un quadro di pieno rispetto della legislazione vigente” hanno concluso Giovanni Mastroeni, segretario generale Cgil Messina, e Ivan Tripodi, segretario generale della Uil Messina.